Relax Immobiliare -Il primo blog per aspiranti investitori immobiliari: Ecco un'operazione immobiliare fatta per bene !!

giovedì 28 maggio 2015

Ecco un'operazione immobiliare fatta per bene !!

Oggi vi racconto di un 'operazione immobiliare condotta da un investitore super bravo che ha saputo portare a termine una trattativa non semplice .
Non mi voglio concentrare sul guadagno ,che e' sempre importante ,ma sulle soluzioni che ha trovato questo ragazzo durante la trattativa.
Eh gia' molti non sanno che e' proprio dopo essersi visto rifiutare una proposta che si vede l'abilita' di un investitore .
Trovare soluzioni e' il primo fattore che ti differenzia dalla concorrenza !
Vediamo cosa e' riuscito a combinare....

Erminio ,e' il nome di questo ragazzo di 35 anni ex academy ,era reduce da una prima operazione conclusasi con un buon profitto .
Il suo entusiasmo era alle stelle e come sempre accade si e' trovato di fronte ad un affare immobiliare.

Un immobile valutato da lui intorno ai 200.000 euro .
La richiesta del venditore era ottima .
215.000 euro .
Il venditore non abitava piu' nell'immobile in quanto si era trasferito di Regione per motivi di lavoro.
Insomma un classico caso di "venditore motivato ".

Erminio formula la sua proposta di acquisto con :

5000 euro di caparra con l'impegno di saldare entro 7 mesi dal compromesso e la richiesta scritta di potersi avvalere della cessione del compromesso con corrispettivo .

La sua proposta e' stata di 165 .000 euro .

Il venditore non accetta e ritiene la proposta "oscena " ,ma il mediatore ( ben incentivato da Erminio credo) e' abilissimo e riesce a strappare una controproposta .

185 .000 EURO e 30000 euro di caparra al compromesso .


Molti cosa farebbero ?

Lascerebbero perdere e si metterebbero alla ricerca di altri affari.

Erminio invece sa benissimo che gli ostacoli nel nostro settore sono opportunita' e quindi rilancia .


170,000 EURO  e sempre 5000 euro di caparra.


Altra visita al venditore e il mediatore fa un mezzo miracolo !!

170000 euro vanno bene ma vuole 30000 euro al compromesso !!

Erminio non ha pero' quel denaro .

O meglio ha in parte la somma richiesta  ,ma gli mancano all'appello circa 20000 euro .

SCARICA IL VIDEO SEMINARIO GRATUITO PER INVESTIRE IN IMMOBILI

Aveva 20000 euro da parte ,ma per completare l'operazione aveva bisogno di 10000 euro in piu' da dare al venditore come anticipo e circa 10000 euro tra agenzie e qualche lavoretto da fare nella casa ( poca roba a suo avviso ) .

Ma non voleva perdere un potenziale guadagno di 30000 euro lordi ( circa 20000 euro tolte le spese ).

Allora non demorde e chiama un suo caro zio che sapeva avere una piccola disponibilita' da investire.

Gli dice in poche parole se vuole entrare nell'affare al 50 % .

Lui avrebbe messo 20000 euro e lo zio idem !!

Allo zio disse che secondo i suoi conti tra poco meno di 1 anno si sarebbe ritrovato sul conto 30,000 euro invece di 20000 .

Metteva 20000 euro e ne avrebbe guadagnati 10000 euro !!!

L'indomani Erminio va dal suo mediatore e gli firma la controproposta fatta dal venditore .

170.000 euro e 30000 euro di caparra .

Affare concluso grazie all'intervento di un socio esterno che partecipa all'operazione.

Dopo 5 mesi l'immobile fu rivenduto per 203.000 euro ,entrambi ottennero un bel profitto !!!

Pur non trattandosi della classica operazione di short trading senza anticipo di capitale ,la sua esperienza deve essere utile a chi si e' avvicinato da poco a questo settore .

Una trattativa non e' mai persa finche' non ci si riprende l'assegno di caparra .
Ci saranno sempre ostacoli ed ogni volta si presenteranno in forma diversa e saper analizzare la problematica anziche' abbandonare immediatamente ci permettera' di trasformare in un grande successo una trattativa che molti avrebbero abbandonato .

Preparazione,conoscenza delle regole e perseveranza sono le chiavi per prosperare nel mondo degli immobili .

Complimenti a Erminio e buon business da Franco

3 commenti:

  1. Antonio N.M.-Lecco30 maggio 2015 13:46

    Diverse perplessità mi suscita questo articolo.

    Anzitutto, perché un'offerta iniziale così alta? Secondo gli insegnamenti dell'Academy, Erminio avrebbe dovuto comprare a 140.000 (70% della valutazione di mercato) e arrivare in trattativa max a 150-160.000. Invece compra a 170.000, cioè con sconto solo del 15% sul prezzo reale.
    D'accordo che ha chiuso con profitto l'operazione, ma allora le regole insegnate dall'Academy vanno a farsi friggere?

    Altra perplessità: per vendere in tempi brevi, l'Academy raccomanda di mettere in vendita a un prezzo leggermente inferiore al valore di mercato. In questo caso, intorno ai 190.000. Come ha potuto quindi vendere a 203.000?
    Le spiegazioni possono essere diverse. Forse la valutazione di Erminio era sottostimata e l'immobile valeva di più. Oppure ha azzardato e gli è andata bene.

    Insomma, un'operazione sicuramente positiva perché è andata bene ma, considerando gli insegnamenti e le raccomandazioni dell'Academy, non è affatto condotta da manuale! Forse mi sbaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio ,questa storia vuole sottolineare come scritto nel post non il guadagno ,ma l'abilita' di Erminio di trovare delle soluzioni all'argomento "caparra ".
      Sappiamo tutti benissimo la regola del 30% ecc ,ma sappiamo anche che ogni investitore poi puo' agire come preferisce e "accontentarsi " di una percentuale inferiore di guadagno .
      A volte molti preferiscono un 15 % di un immobile di 200000 euro che alla fine porta sempre un guadagno identico ad uno sconto superiore su un immobile che costa la meta' .
      Tutti gli insegnamenti academy sono la nostra "linea guida " ,io qui ho solo sottolineato l'importanza di non mollare al primo ostacolo e di trovare sempre soluzioni al problema
      Franco

      Elimina
  2. Antonio N.M.-Lecco2 giugno 2015 15:04

    Ora è todo claro, gracias! :-)

    RispondiElimina