Relax Immobiliare -Il primo blog per aspiranti investitori immobiliari: Nuova tassazione immobili 2014

giovedì 5 dicembre 2013

Nuova tassazione immobili 2014

Molti mi hanno chiesto come mai non parlo mai della tassazione sull'intestazione di immobili .
In effetti e' vero non ne parlo quasi mai .
C'e' un motivo.
Siccome mi rivolgo ad aspiranti investitori immobiliari ho sempre puntato ad insegnare tecniche di short trading o opzioni di acquisto che non prevedono intestazione di immobili e quindi ho sempre tralasciato le informazioni su come intestarsi un immobile e la loro tassazione.
Rimediamo subito .

Oggi vi elenco le novita' riguardanti la nuova tassazione per gli immobili nel 2014  ossia tra poco meno di un mese.

Se devi comprare una seconda casa non ci sono belle prospettive!



Imposta di registro sale da 168 euro a  200 euro.
A partire dal 1° gennaio 2014, l’importo dell’imposta di registro da versare in misura fissa passerà dagli attuali 168 euro a 200 euro; tale aumento si applicherà anche alle imposte ipotecarie e catastali che non sono inerenti i trasferimenti immobiliari a titolo oneroso.

Prima casa, aliquota dal 3% al 2%
Per trasferimenti di prima casa a titolo oneroso, le aliquote dell'imposta di registro passeranno dal 3% al 2% dal 1° gennaio del prossimo anno. Per quanto riguarda gli immobili di lusso, essi andranno a coincidere con quelli classificati tali ai fini dell’Imu, e pertanto accatastati nelle categorie A/1, A/8 e A/9. Per questi immobili l’imposta dall’attuale 7% aumenterà al 9%, così come per le seconde abitazioni, capannoni, ecc.. L'aliquota salirà al 9%, dall’attuale 8%, anche per i terreni edificabili e per quelli agricoli (attualmente al 15%).

 Per avere un'idea del reale risparmio facciamo un esempio, considerando l'acquisto di un immobile del valore catastale di 100.000 euro avente i requisiti di prima casa.

Se questo immobile si acquistasse oggi le imposte da pagare sarebbero le seguenti:
- imposta di registro:  3% di 100.000 euro, uguale a 3.000 euro;
- imposta ipotecaria: 168 euro;
- imposta catastale: 168 euro;
Totale: 3.336 euro.

 Lo stesso immobile, acquistato a partire dal primo gennaio 2014 sarà tassato nel seguente modo:
- imposta di registro:  2% di 100.000 euro, uguale a 2.000 euro;
- imposta ipotecaria: 50 euro;
- imposta catastale: 50 euro;
Totale: 2.100 euro.

In pratica si potrà ottenere un risparmio abbastanza sostanzioso per l'acquirente, pari in questo caso a 1.236 euro.
Tornano le imposte ipocatastali per volture e iscrizioni catastali
Per volture e iscrizioni catastali ritorna l’imposta ipotecaria e catastale nella misura fissa – e non più proporzionale - di 50 euro per ciascuna. Tale tassa era stata eliminata dal Dlgs n. 23/2011 sul federalismo municipale con effetto dal 1° gennaio 2014.

Sostanzialmente le novita' sono per la prima casa che vede scendere di un punto la tassazione .
Per chi vuole investire intestandosi gli immobili si prevede un punto percentuale in piu'  !

Se vuoi investire in immobili per guadagnare sulla differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita ancora di piu' tra 30 giorni sara' conveniente non intestarsi nulla e cedere il preliminare di vendita senza andare al rogito notarile con la cessione del preliminare .

Eviterai aumenti di tassazione e esborso di capitale.
Spero che queste informazioni ti siano utili e ti facciano riflettere sulle potenzialita' delle prime due nicchie ideali per iniziare ad investire in immobili che sono lo short trading immobiliare e le opzioni di acquisto.

Buon business da Franco





6 commenti:

  1. Cosa non fanno per dissanguarci fino alla morte.. l'unica è essere intelligenti finanziariamente e lavorare/investendo senza intestarsi l'immobile!

    RispondiElimina
  2. Salve Franco,vorrei capire se ciò che ha scritto qui è un errata corrige o sono io che nn ho compreso bene!

    Faccio copia ed incolla: "L'aliquota salirà al 9%, dall’attuale 8%, anche per i terreni edificabili e per quelli agricoli (attualmente al 15%)".

    Si dice che l'aliquota attuale è all'8% e salirà al 9% ,ma tra parentesi viene riportato che l'aliquota è al 15% (in questo caso sarebbe un ribasso notevole invece che un aumento),quindi la cosa nn mi torna!

    Potrebbe chiarirmi questo punto?
    Grazie

    RispondiElimina
  3. Ciao Alex per i terreni agricoli prima invece di pagare il 15 % se dimostravi che l'acquisto era per esigenze lavorative insomma per i coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali iscritti all’INPS, un’imposta di registro e ipotecaria nella misura fissa di € 168,00 e catastale nella misura dell’1%.
    Ora invece passa dall'9% .
    Dall'8 al9% passa quella per gli edificabili .
    Lo so crea un po' di confusione ,ma pochi ad oggi hanno le idee chiare di questo caos creato ad hoc !|!
    Ciao da Franco

    RispondiElimina
  4. Grazie per queste anticipazioni utilissime
    Lorenza.

    RispondiElimina
  5. CIAO FRANCO, MA COME MAI HAI MESSO 50,00 ANZICHE 200 NELLE IMPOSTA CATASTALE E IPOTECARIA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao forse fai confusione con la registrazione del preliminare che e' 200 di fissa ,qui si parla di imposte ipo catastali per l'atto notarile.
      Ciao da Franco

      Elimina