Relax Immobiliare -Il primo blog per aspiranti investitori immobiliari: Aste immobiliari .....quanti affari nel 2014 !

lunedì 3 febbraio 2014

Aste immobiliari .....quanti affari nel 2014 !

Ricordo ancora questa mia frase detta al mio socio nel 2005 "Be oggi forse e' andata bene ,ci sono soltanto 15 persone "!
Ci ho pensato oggi ed ho sorriso .

Parliamo della nicchia delle aste immobiliari.

Fino a pochi anni fa chi voleva investire nelle aste non aveva vita facile.
Quando eri fortunato trovavi 15 persone,ma quando ti andava male erano presenti oltre 50 di "affamati" investitori pronti a sfidarsi in una serie di rilanci senza senso arrivando ad acquistare immobili fino al 30 % in piu' del prezzo di mercato.
Ora invece?
Deserta ,rinviata ,non aggiudicata ..
Terzo incanto ,quarto incanto .
Immobili che sono conti alla mano scontati fino al 30 % in meno del gia' basso valore di mercato attuale.
Ecco cosa puoi  fare allora....

Quando gli immobili non erano in saldo nel 2003-2006 tutti andavano a partecipare ad un asta immobiliare ,ed oggi che la maggior parte di esse sono deserte e super convenienti nessuno vi partecipa.


Sicuramente la crisi ha fatto diminuire i risparmi degli italiani che preferiscono ,se li hanno, tenerli da parte per imprevisti .
Ed e' giusto cosi .
Ma non sempre e' questa la motivazione.
Molti pur avendo le risorse ,seguono le indicazioni dei giornali e telegiornali che parlano solo di catastrofi , studi di settore ,redditometro scatenando una spirale perversa che se da un lato blocca il mercato immobiliare dall'altro crea un infinita' di occasioni per chi conosce il mercato immobiliare.
Ci sono cosi' tanti affari in questa nicchia che ,vi giuro , faccio fatica a starci dietro.
Immobili valutati da me conti alla mano 130/140 mila euro in vendita all'asta a 70000 euro .
A volte partecipo ,a volte no .
E per lo piu' se non partecipo e' per sperare e vedere se vanno deserte e quindi aspetto il prossimo incanto ribassato !

E' per tutti investire nelle aste immobiliari?

Certamente devi avere il capitale da investire e la conoscenza dei prezzi a mq della tua zona.
Ma se hai consocenza del mercato e il capitale ,non esiste momento migliore per andare ad un asta immobiliare.

Come spiego nel mio special report gratuito ,ci sono diverse cose da controllare e molte insidie da evitare prima di partecipare ad un asta.
Se non lo hai ancora letto fallo e' gratis .
Lo trovi qui.

Per prima cosa ti invito a visitare il principale sito di aste immobiliari in Italia http://www.astegiudiziarie.it/

Prova a fare un ricerca nella tua citta' e vedrai i prezzi che ci sono !!!

Per concludere se hai dei risparmi da investire fai una ricerca sul sito e inserisci il tuo budget di spesa e ti verranno fuori immobili nella fascia di prezzo che hai inserito e potrai cosi' curiosare in questo mercato parallelo a quello classico.
http://dl.dropboxusercontent.com/u/52773433/ASTEIMMOBILIARISALES.html

Non hai i risparmi ?
Allora devi passare attraverso lo stralcio immobiliare applicando lo short trading che ti permette di non inserire denaro nell'operazione di stralcio.
Ma ricorda che quando riprendera' il mercato ,molti nuovi investitori acquisteranno proprio gli immobili da chi ha approfittato di questa crisi e molti si mangeranno le dita scoprendo nell'atto di provenzienza il prezzo originale di acquisto e scopriranno i sontuosi guadagni di chi ha approfittato di questi saldi immobiliari.

Buon business da Franco.

8 commenti:

  1. Si fa presto a dire short trading.... e qual'è il prezzo dimercato, se non c'è mercato?
    In certe zone, il valore catastale supera l'effettivo valore di mercato con tempi di vendita eterni.

    RispondiElimina
  2. Scusa Franco, se non viene venduta all'asta a prezzo scontato, se io compro a chi rivendo a prezzo maggiorato?Alberto

    RispondiElimina
  3. Ciao Rino, io non sono un esperto, ma posso dirti che sei troppo pessimista, mica devi guardare alle (poche) zone dove non c'è mercato, ma a quelle dove puoi vendere ad un prezzo decisamente più alto di quello che hai speso per aggiudicarti l'asta e fare gli eventuali lavori di ripristino all'immobile. Certo dietro ci sta tutto un lavoro di analisi e programmazione, ma almeno quello lo si deve fare se si vuole investire in immobili.

    RispondiElimina
  4. ciao franco, ma come ci si deve regolare con le spese straordinarie e vlegalòi del condominio. Puo l'amministratore chiederli all'agiudicatario?. Inoltre gli amministratori non danno alcuna informazione sui debiti e sui lavori straordinari effettuati o in programma, avvalendosi della legge sulla privacy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le spese sono inserite nella perizia ,e cmq per legge spettano gli ultimi 2 anni di spese di amministrazione arretrate dal momento dell'aggiudicazione .
      Se non sono inserite in perizia o poco chiare ,l'amministratore deve dare il riepilogo spese all'interessato in quanto l'asta e' pubblica e non c'entra la privacy perche' e' un diritto di chi acquista sapere quanto deve dare dopo aver acquistato l'immobile .Ci puo' anche essere qualche maleducato che non vuole dare informazioni ,ma tramite il custode dell'immobile si puo' avere ugualmente l'importo .

      Elimina
  5. Grazie per la risposta. Come sempre sei illuminante.. quindi confermi che per i lavori straordinari (esempio rifacimento della facciata) vanno attribuiti all' aggiudicatario solo ed esclusivamente le rate degli ultimi due anni?
    Perchè, lo letto su internet che le spese degli ultimi due anni, riguardono solo quelli dell' amministrazione ordinaria, quali riscaldamento e condominio. in questo caso i debiti pregressi saranno divisi tra tutti i condomini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo al 100% ti spettano gli ultimi 2 anni e tutte le spese ordinarie e straordinarie .Purtroppo ne ho pagate cosi tante nelle aste vinte in passato che posso metterci la mano sul fuoco .

      Elimina
  6. Grazie ancora, credo che bisogna stare comunque molto attenti e non fidarsi ciecamente dell Perizie, poichè le stesse non sono aggiornate, risalgono a qualche anno addietro, quindi non possono contenere informazioni circa lavori o spese straordinari eventualmente sostenute negli ultimi due anni.

    RispondiElimina